Spending review (mica per ridere…)   150 comments

In attesa di aggiornarvi sugli esiti del ricorso ad Acea e su tutti gli sviluppi del caso vi propongo un’altra cosa

Un piccolo test !

Guardate questo grafico…

Secondo voi di cosa si tratta?
Tra il titolo del post e i commenti nel grafico, non dovrebbe essere difficile indovinare.

Vi concedo qualche ora !

Aggiornamento del 11-06-2012

Dopo che Patrizia è stata così brava da indovinare cosa rappresentasse il grafico, aggiungo qualche spiegazione per i lettori distratti che non si spulciano tutti i commenti.

Mentre mi occupavo del ricorso ad ACEA (di cui potete nei post precedenti e di cui leggerete ancora nei post successivi) ho iniziato a leggere giornalmente il mio contatore elettrico per verificare quali fossero i miei consumi reali.

Il grafico rappresenta infatti i consumi elettrici di casa mia. In ascissa la data, in ordinata il consumo giornaliero in kWh.

Notando grosse oscillazioni, ho iniziato a fare misurazioni orarie e anche prima e dopo l’uso dei vari elettrodomestici per individuare le voci di consumo più rilevanti.

A quel punto ho iniziato ad apportare correzioni e migliorie.

Il consumo è sceso da cira 14,4 kWh al giorno a circa 8,5 kWh al giorno (con ancora qualche margine di miglioramento).

Un miglioramento di circa il 40% !

Non male vero ?

Aggiornamento del 12-06-2012

Inizio ad esporre gli interventi effettuati.

Piccoli interventi che non costano nulla:

1) Eliminare tutti gli stand by inutili, cioè spegnere tutti quegli apparecchi che restano accesi in attesa quando inutilizzati:

Es:

  • La radio in cucina.
  • La Wii
  • L’hard disk esterno del PC cui si accede una volta al mese soltanto.
  • Alimentatori lasciati inseriti nelle prese di corrente senza che vi sia nulla attaccato (es. i carica batterie dei cell.)

2) E’ poi buona norma caricare i cellulari… in UFFICIO !

3) Non dimenticate di spegnere il PC ogni volta che si esce di casa.

4) Evitare di lasciare luci accese nelle stanze dove non soggiorniamo.

Tutto questo non costa niente.

Iniziate a farlo.

Poi passeremo ai consigli più sostanziosi !

Aggiornamento del 13-06-2012

LA LAVASTOVIGLIE  e LA LAVATRICE !

Che la classe energita di un elettrodomestico sia fondamentale è ormai patrimonio comune.

Se prendete un elettrodomestico con la classe migliore, vi rifarete prestissimo della spesa aggiuntiva.

Ma conta anche l’uso che fate dei vostri elettrodomestici !

Ho una lavastoviglie da incasso, i cui comandi sono un po’ criptici.

Una volta riletto il manuale di istruzioni e scelto il programma ECO, il consumo di un ciclo di lavaggio è diminuito di 1 kWH cioè di quasi il 10% del consumo giornaliero. NON MALE !

Nella lavatrice il consumo si abbassa se la temperatura di lavaggio è più bassa o la velocità di centrifuga è più bassa.

Morale: Usate temperature e programmi adatti, senza strafare, o consumerete solo corrente in più senza migliorare il risultato !

Alla prossima !

Aggiornamento del 14-06-2012

LE LAMPADINE

Ho cambiato tutte le lampadine di casa sostituendo le vecchie lampadine a incandescenza con lampadine a risparmio energetico fluorescenti.

Sto valutando l’uso in alcuni casi di lampadine a LED.

Se non l’avete ancora fatto, dovrete documentarvi sui criteri di confronto tra vecchie lampadine e nuove.

Contano i lumen (unità di misura del flusso luminoso).

A parità di lumen le lampadine a fluorescenza consentono un risparmio che può arrivare all’80%.

Per esempio potrete sostituire una lampadina da 40W ad incandescenza con una fluorescente da 7 o 8 W.

Nella scelta occorre valutare altri parametri come il tempo di accensione (non in tutti gli usi avrete le stesse necessità) e la colorazione calda o fredda della luce.

A parità di Watt e lumen  una lampadina con luce fredda (tendente all’azzurro) farà più luce di una con luce calda (tendente al giallo), ma nella scelta intervengono anche i gusti.

Troverete i prezzi più disparati, non fatevi fregare.

Io ho pagato solo 2 euro le lampadine sostitutive di quelle da 40W e per di più di forma “classica” (niente spirali fantasiose).

Le lampadine a LED consentono un risparmio addirittura del 90% ed hanno il vantaggio di avere un’accensione immediata, come le vecchie lampadine a incandescenza.

Costano molto di più e rischiate di farvi fregare acquistando faretti (con luce monodirezionale) piuttosto che lampadine (con luce diffusa a largo raggio) e non le troverete per ora con luminosità superiore ad una vecchia lampadina di 40W.

Io penso di utilizzarle solo per l’illuminazione in bagno sopra il lavandino.

Per il resto attenderò che la tecnologia maturi un po’ ed i prezzi si abbassino (attualmente costano dai 10 ai 20 euro) ed anche l’aspetto estetico lascia spesso a desiderare.

Ricapitolando, anche solo sostituendo le vecchie lampadine a incandescenza con lampadine fluorescenti vi potrete permettere, a parità di spesa, di accendere 10 luci invece di 2.

O, meglio, riasparmiare l’80% sull’illuminazione.

Vi assicuro che l’effetto in bolletta si vede.

Se tenete per 5 ore accese 5 lampadine da 40W consumate 1 kWh, con le lampadine a fluorescenza solo 0,2 kWh, con le lampadine a LED solo 0,1kWH.

Provate a moltiplicarlo per 365 giorni….

E spegnete sempre le luci inutili !

ALLA PROSSIMA !

Aggiornamento del 16-06-2012

L’assassino è sempre il maggiordomo !
Ma anche il più innocente ha la coscienza sporca !

LO SCALDABAGNO ED IL PC

Per chi ha la sfortuna, come me, di avere uno scaldabagno (altrimenti detto boiler) elettrico è un dramma.

Non posso facilmente mettere uno scaldabagno a gas per via della distanza e dell’ubicazione del gas stesso e ad una serie di vincoli, dettati dalla conformazione della casa, che vi risparmio.
Tanto meno posso avvalermi della tecnologia a pompa di calore perchè non ho abbastanza spazio.
Insomma devo tenermi lo scaldabagno elettrico.
Quel mostro si succhia la corrente come un vampiro.
Era il principale indiziato ed effettivamente è lui il principale colpevole.

Girano convinzioni errate sul fatto che convenga tenerlo sempre accesso piuttosto che farlo raffreddare completamente per poi ricaricare completamente.
E’ falso. Totalmente falso.
Vi risparmio le considerazioni di termodinamica, fidatevi della verifica fatta con prove e misurazioni esatte.

Alla luce di ciò ho deciso di caricare lo scaldabagno esclusivamente di notte e di spegnerlo la mattina subito dopo l’uso.
Magari d’inverno non potrò farlo, ma nelle altre stagioni rimane sufficiente acqua calda fino alla fine.
Naturalmente bisogna modificare le proprie abitudini, spostando le docce alla mattina e comunque programmandole in maniera di avere l’acqua calda quando serve.

In questa maniera ho ridotto i consumi dello scaldabagno da oltre 5 kWh al giorno a soli 3 !

Se potessi installare un timer programmerei l’accensione alle 5 di mattina e risparmierei ancora un altro kWh. Per ora non posso farlo senza fare una serie di lavori.

E che dire dell’innocente PC?

Non pensiate che non sia un consumo significativo !
PC, hard disk esterni, stampanti, router e chi più ne ha più ne metta, sempre accesi !
Ecco cosa ho fatto.

  • Impostazione del PC in maniera che vada in stand by (in freeze) dopo 30 minuti di inattività
  • Impostazione del monitor in maniera che si spenga dopo 15 minuti di inattività
  • Hard disk esterni, stampante e altri accessori spenti, da accendere al momento dell’uso
  • Router spento se si esce da casa

Credetemi, l’effetto sui consumi si misura eccome !

Per ora questo è lo stato dell’arte a casa mia, altre idee sono bene accette !

Annunci

Pubblicato 10 giugno 2012 da Claudio Guiduccio jedi Spega in Senza categoria

150 risposte a “Spending review (mica per ridere…)

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Pingback: Guerra ai kWh : pago io ! | maria rosaria

  2. sto linkando questo tuo post.
    Sei sempre in frigo? Non è che ti raffreddi, vero?
    Ciao
    Marirò

  3. Questo post è bellissimo! Anche se ormai faccio già tutto ciò che è scritto!
    E ricordatevi di abbassare a 45 la temperatura della caldaia! L’acqua calda c’è lo stesso e la spesa scende tantissimo!

  4. Un passaggio veloce per augurarti una dolce notte
    Ciao, Pat

  5. Molto interessante…
    Sto sempre molto attenta alle spie, ai lavaggi a un sacco di cose… ma risparmiare non è mai abbastanza! Grazie per le dritte… inizierò a fare un po’ di lavaggi eco, anche se essendo lunghissimi pensavo ‘costassero’ molto di più in termini di energia…

  6. Apppperó! Debbo assolutamente controllare anch’io il tutto… I risparmi non sono da poco!!! Interessantissimo! Grazie!!!

  7. Ottimi consigli e confesso che devo metterne in pratica alcuni a cominciare da tutti i led perennemente accesi. Quello a cui ancora non mi abituo sono le nuove lampadine…son tremendamente brutte, ma ho iniziato pure io a sostituirle, tranne nei lampadari perchè sono una schifezza e confesso che in un paesino ho trovato un vecchio negozio di elettrica che ancora ha lampadine ad incandescenza e ne ho fatto una scorta in attesa che le nuove siano più accettabili. ma tu lo immagini un lampadario di Murano con quelle viti bianche? Lo so, loso…e io pago! 😦

    • Se agisci solo sui led degli stand by non è che risparmi molto.
      Sulle lampadine invece si.
      Certo la maggior parte sono strane assai, con quei virgulti di tubi.
      Ma quelle che ho messo io sono simili a quella della figura o a bulbo tondo, opaco a nascondere i virgulti interni.
      Sono decenti.
      E le ho pagate pochissimo.

      P.S. se vuoi ti vendo le mie vecchie lampadine ad incandescenza.
      Te le vendo a peso d’oro e così faccio un doppio affare !

  8. eh, sono cose che pure io faccio abitualmente, accendere lo scaldabagno solo alla notte, spegnere PC e altre cose, usare la lavatrice solamente dopo le ore 19 o nei giorni festivi…inoltre ho scoperto le lampade a LED che consumano davvero pochissimo, ma il prezzo per ora è ancora abbastanza alto…Poi vai in giro e vedi uffici pubblici e non (tipo Vodafone a Milano al Lorenteggio) con le luci sparate per tutta la notte…grrrrrrrrrrrrrrrrrrr

  9. Dimenticavo: pare che la tariffa bioraria non convenga più in quanto costa più la notte e i festivi che nei feriali. L’ ho letto su repubblica e sul corriere sera recentemente. over over

    • Non è esatto.
      L’articolo era basato su alcuni casi rari in cui il prezzo serale (e non notturno) era superiore al prezzo diurno.
      Non è così in media.
      Certo è che ci si aspettava risparmi maggiori.

      • beh, l’età non aiuta la comprensione dell’ articolo che … partiva da milano. E, a roma, come andrà? io, di conseguenza, ho optato per la comodità di far andare lavatrici e lavapiatti di giorno. Non ho un mio blog e, quindi, nessun link da indicare. Comunque grazie.

    • Io non ho ancora il contatore teleletto e non posso scegliere.

      Domani parte il seguito del ricorso ad ACEA.

      Presto ci farò un nuovo post.

      Spero ri ritrovarti dalle mie parti.

  10. Sono una new entry. Sinteticamente. Forse sono fuori tema. 1) Copierò il tuo risparmioso modus … vivendi per non mancare manco un colpo! 2) non risparmi il 40%, ma il 65,27% (14.4 – 5 : 14.4 = 652777777777) 3) complimenti per il colpo inferto all’ azienda! 4) il meraviglioso pc sembra costare meno di 700 euri (forse loro lo hanno pagato a rate? O quello visto da me non aveva tutte le caratteristiche del tuo) 4) comunque, sei una sagoma. Ciao, ciao da un’ over over

    • Ponti d’oro alle new entry.
      Peccato che non ci sia un link per ricambiare la visita.

      Fuori tema ?
      Nel mio blog non si è mai fuori tema !

      La percentuale è quella che ho indicato io, il consumo non è sceso a 5, ma a 8,5, c’era un carattere mangiato nel post. I numeri si vedono anche dal grafico. Poi, in realtà sono sceso anche sotto 8, ma non stabilmente.

      Il pC è meraviglioso a prescindere dal prezzo.
      Comunque sul sito HP trovi 3 modelli semiidentici con prezzi da 700 a 1200.

      A presto !

  11. *.* Buona # Domenica *.*
    ”””””””””””””””””””””””””

  12. Sei sveglio e svelto, prenderò nota…
    Lieta domenica
    Con Amicizia
    Gina

  13. FeLice * Sabato * & Grazie
    xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

  14. Molto utili i tuoi consigli Guido credo che li seguirò 😉 A PRESTO 🙂

  15. HAPPY WE GUIDO 1 kiss 🙂

  16. io rido e basta…concedimelo in questo momento sì tanto elettrizzante per il mio povero cervello 🙂

  17. Non so perché,
    ma non mi piacciono i colori del grafico,
    un pizzico di fantasia ogni tanto?
    No, eh?
    Ahahahahahahahahahah 😛 …

    Bacini 😛 …

  18. io da quasi 2 anni seguo queste regole… spengo tutti gli stand by, (tv, pc e giochi si accendono al momento), lavatrici e lavastoviglie solo dopo le 19 e cicli eco, stiro il necessario (prima stiravo anche i calzini !!!) e sempre dopo le 19, i caricacell mai lasciati inseriti, in caso che si stia vedendo la tv in soggiorno, spengo tutte le luci lasciano solo una piccolissima di una lampada, tutte le lampadine di casa sono a risparmio energetico… ecc ecc…
    E applico queste regole di risparmio anche all’acqua: se mi serve calda, raccolgo la fredda iniziale per innaffiare o per lavare a terra o per l’ammollo…., chiudo il rubinetto mentre mi insapono o tra un piatto ed un altro da sciacquare…. ecc ecc…. SO’ TROOOOPPO BARAVA CLAUDIO !!! :O)))))

    • Benvenuta Dorotea !
      Bravissima.
      Considera che io non ho ancora la tariffazione a fasce orarie e quindi sugli orari non posso far nulla.
      Hai anche anticipato qualche punto che affronterò presto.
      Ma dimmi, hai quantificato il risparmio ?
      Forse no perchè magari applichi queste regole da sempre…

  19. Bene, direi che sono sulla buona strada, molti di questi accorgimenti li ho già adottati da tempo. Ora controllo meglio la lavastoglie, anche se già uso il programma a basso consumo, ma meglio dare un’occhiata più approfondita alle istruzioni 🙂
    Grazie Claudio
    Kiss, Pat

  20. CONTINUANO GLI AGGIORNAMENTI DEL POST.
    ECCO I PRIMI CONSIGLI SOSTANZIOSI PER IL RISPARMIO IN BOLLETTA !

  21. Giusto !
    E per continuare…
    Domenica tutti al lavoro, si lava, si stira e non si esce così il risparmio è assicurato…
    Dolce notte al chiar di luna!

  22. Ho iniziato da consigli terra terra, perchè non costano nulla.
    Presto indicherò le cose fondamentali che fanno risparmiare tanto !
    Ma è la somma che fa il totale, non trascurate nulla !

  23. svelato il primo mistero, ora è il secondo che ci intriga…
    è giusto ed importante sapere per migliorare, ma ci sono situazioni che proprio non puoi. Ad es sono certa che il mio punto massimo di consumo elettrico sia all’ora di pranzo per via del forno o della bistecchiera elettrica. Che faccio? sposto il pranzo per non far accumulare energia? spengo il frigo per un’ora?
    Attendo lumi…

  24. ho visto il grafico … sarebbe stato meglio quello che ho pensato io 🙂

  25. Ciao Guido sono le tue spese? Comunque BUONA SETTIMANA un sorriso 🙂

  26. dal telefono non mi si apre l’ immagine quindi sparo … Avrai mica deciso di risparmiare su quell’attività? 🙂

  27. geniale!

  28. Non è che hai fatto l’analisi delle spese in relazione alla bolletta della luce per vedere quando c’erano i picchi di maggior consumo ed individuare dove effettuare tagli e quindi spreco di denaro??

  29. Che eri uno Spend(ing)accione ma … Stai risparmiando per le vacanze??? 😉

  30. “TO REVIEW OR NOT TO REVIEW” Best to spend and not to REVIEW.

  31. Ummm a parte che non so cosa significa il titolo del post, azzardo a dire che è l’andamento del tuo lavoro…
    Ciao, Pat

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: